La temporaneità dell’affido

Bonomi, Jessica (2017) La temporaneità dell’affido. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Bonomi_Jessica.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (4MB)

Abstract

Questo scritto nasce dalla pratica professionale svolta presso l’Associazione Ticinese Famiglie Affidatarie, e nello specifico dalle statistiche con le quali mi sono confrontata in questo percorso, riguardanti i minori collocati in affido durante l’anno 2016. Dai dati è possibile constatare che gran parte dei minori collocati fuori famiglia è in affido da molti anni. È da qui che nasce l’interesse per il concetto di temporaneità, e il desiderio di indagare la durata di questi affidi, al fine di comprendere se l’affido sia realmente una misura temporanea, e se quanto definito nei libri di testo si possa ritrovare nella pratica professionale. Sulla spinta di tale interesse, il presente elaborato si ripropone di analizzare la temporaneità dell’affido, andando a studiare cosa si cela dietro questi affidi che perdurano per molti anni, e che la letteratura classifica come sine die. Per raggiungere il suddetto obiettivo verranno interrogati i professionisti legati ai due enti che sono implicati nella definizione della durata dell’affido: l’Ufficio dell’Aiuto e della Protezione, e l’Autorità Regionale di Protezione. Dopo aver acquisito le conoscenze basilari per poterci orientare nel mondo della temporaneità, conosceremo i registi dell’affido, ossia gli operatori incaricati di definire la durata di tale intervento. Su questo sfondo andremo a scoprire e delineare gli affidi sine die, ricercando le motivazioni che giustificano la loro esistenza. Dall’indagine emergerà che, nonostante il rientro del minore in famiglia naturale sia un presupposto per poter attivare una misura di affido, non vi è alcun servizio incaricato di operare in vista di un recupero delle capacità genitoriali. Questa mancanza risponde in parte al quesito che guida la presente ricerca, ma come avremo modo di sondare, non è l’unica spiegazione del circolo vizioso che incastra il bambino in una condizione di instabilità. È proprio su questo minore che ci soffermeremo a riflettere, per conoscere quali sono i segni che il tempo dell’affido può lasciare su di lui. Bambini che dovrebbero essere al centro dell’intervento di affido, e che come avremo modo di approfondire, a volte rimangono nell’ombra. In conclusione verranno ripresi i punti salienti della ricerca, e verrà svelato il punto di vista della sottoscritta. Inoltre, senza la presunzione di possedere delle soluzioni, verranno tracciate delle possibili strade che questi affidi potrebbero percorrere. Il desiderio di questa ricerca è di analizzare il concetto di temporaneità, evidenziando i punti oscuri, e riportando alla luce dell’intervento il bene prioritario del minore.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Luogo di stage: Associazione ticinese famiglie affidatarie (ATFA)
Uncontrolled Keywords: affido, affidamento familiare, affido family, temporaneità, durata affido, sine die, ATFA, Associazione ticinese famiglie affidatarie, UAP, Ufficio dell’aiuto e della protezione, ARP, Autorità regionale di protezione, capacità genitoriali, punti di incontro, tutela minori, teoria dell’attaccamento
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1866

Actions (login required)

View Item View Item