Migrazione e disturbi della sfera psichica, competenze da sviluppare per delle cure interculturali : una ricerca qualitativa

Sussegan, Federica Nike (2017) Migrazione e disturbi della sfera psichica, competenze da sviluppare per delle cure interculturali : una ricerca qualitativa. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Sussegan Nike Federica.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background: Questo Lavoro di Bachelor indagherà quali siano le attitudini che gli infermieri devono possedere per poter praticare una buona cura interculturale. Il contesto multiculturale in cui i professionisti si trovano ad operare oggi, mette di fronte agli infermieri persone aventi diverse caratteristiche e vulnerabilità legate a plurali percorsi migratori. Questo confronto porta alla necessità di sviluppare delle attitudini atte a praticare una buona cura interculturale. I temi trattati all'interno di questa ricerca spaziano da quelli concernenti la migrazione focalizzandosi in particolare sui rifugiati, la salute, il benessere, lo stress e i disturbi sviluppati a seguito di una migrazione di tipo umanitario, per giungere a discutere dell'assistenza infermieristica e della mutazione di ruolo di questi ultimi in un ottica di cure interculturali. Scopo: Individuare le attitudini e le competenze che gli infermieri devono sviluppare per permettere una buona presa in carico dei rifugiati, in particolare rispetto alla sfera psichica per delle cure eque. Metodologia: Partendo da un background di ricerca, elaborata grazie all'unione di teorie, articoli scientifici, letteratura, consultati tramite banche dati, siti internet e letteratura cartacea sul tema delle migrazioni e della salute, ho focalizzato l’attenzione e riflettuto rispetto la tematica inerente la salute e il disagio della sfera psichica dei richiedenti l’asilo. Sono esposti temi che possono occorrere quando si considera una persona migrante in un contesto di cura. Posta la problematica considerata ho tentato di rispondere alla domanda di ricerca tramite delle interviste semi-strutturate a sei professionisti della salute considerati come esperti. Essi lavorano, o hanno lavorato, in contesti di cura con persone in condizioni di espatrio e migrazione umanitaria, e ognuno di loro impersona differenti ruoli e porta quindi un punto di vista unico e complementare agli altri. Risultati e conclusioni: La cura e l’assistenza psicologica di persone richiedenti l’asilo o rifugiate richiedono abilità complesse difficilmente riassumibili in linee guida definite. La presa in carico della diversità e della vulnerabilità deve porre gli infermieri a lavorare in modo interdisciplinare, a considerare una moltitudine di buone pratiche di cura e di infermieristica interculturale da integrare nel processo di cura agendo in contesto con una certa autonomia, cosa non sempre possibile in determinati contesti di cura istituzionalizzati.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: competenze interculturali, cure interculturali, migrazione, rifugiati
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1798

Actions (login required)

View Item View Item