Sportello lavoro e il lavoro di/in rete : analisi dell’integrazione del lavoro di rete in un progetto sociale ticinese

Bresolin, Lea (2017) Sportello lavoro e il lavoro di/in rete : analisi dell’integrazione del lavoro di rete in un progetto sociale ticinese. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Bresolin_Lea.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Il tema trattato nel lavoro di tesi è il lavoro con le reti riferito al campo del lavoro sociale in Ticino. Lo scopo della ricerca è comprendere quanto la filosofia alla base del lavoro con le reti venga utilizzata sul territorio ticinese, in particolar modo dal progetto Sportello del lavoro del Comune di Cadenazzo. Le basi teoriche di riferimento sono le definizioni di lavoro di rete e di lavoro in rete, collegate ad alcune teorie sviluppate da Fabio Folgheraiter, e il Modello unitario centrato sul compito di Franca Ferrario. Grazie alla ricerca svolta si ha potuto capire se vi è lavoro di/in rete, come viene influenzato il ruolo dell’assistente sociale, come l’utenza vive l’esperienza e se vi sono delle collaborazioni interistituzionali. Il progetto preso in analisi è inserito in un Servizio sociale comunale, un tipo di servizio che offre una prestazione di base di sostegno. Tutte le persone domiciliate nel Comune di competenza del servizio possono presentarsi e richiedere sostegno all’assistente sociale, che provvederà a occuparsi della presa in carico della situazione della persona. Uno dei sostegni richiesti è quello nella ricerca di un impiego, e il Servizio sociale comunale di Cadenazzo ha voluto rispondere a tale richiesta creando lo Sportello del lavoro. Volendone comprendere il funzionamento sul piano del lavoro con le reti, la ricerca è stata sviluppata partendo dalla conoscenza generale del progetto, per poi chiarire in quale contesto è inserito e a quali domande e obiettivi si voleva rispondere tramite l’analisi dello stesso. Per poter sviluppare l’analisi sono state svolte dapprima delle interviste, sette in totale, per poi scegliere la metodologia e il quadro teorico in cui si sarebbero inserite e studiate le informazioni raccolte. I risultati emersi evidenziano che quasi tutte le domande poste a inizio ricerca hanno avuto risposta positiva, tranne una, quella riguardante le collaborazioni interistituzionali. È anche emerso che vi è stato un avvicinamento della popolazione al servizio sociale, un risultato inatteso, ma positivo. Le riflessioni vanno a prendere in considerazione la rilevanza del lavoro di e in rete sia per l’utenza, sia per l’operatore sociale. Estendendo la riflessione a livello professionale, nel corso del lavoro si è anche evidenziato come il ruolo dell’operatore sociale sia mutevole e adattabile ai disagi presentati dalla società, e per questo anche predisposto a diventare “altro” da quello che è inizialmente, che può essere un pregio, ma anche un difetto se sovrapposto al ruolo di un altro professionista. Comunicazione e collaborazione possono essere strategie efficaci per un lavoro efficace.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Luogo di stage: Fondazione Madonna di Re, Bellinzona
Uncontrolled Keywords: lavoro di rete, sportello lavoro, sostegno ricerca lavoro, ricerca lavoro, servizio sociale comunale, progetto sociale, Ticino, lavoro sociale
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1787

Actions (login required)

View Item View Item