I disturbi muscolo-scheletrici (DMS) legati al lavoro di fisioterapista : la realtà ticinese

Mosca, Pamela (2017) I disturbi muscolo-scheletrici (DMS) legati al lavoro di fisioterapista : la realtà ticinese. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Mosca Pamela.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Obiettivo I disturbi muscoloscheletrici legati al lavoro (DMSL) rappresentano una problematica sanitaria estremamente rilevante tra le diverse professioni caratterizzate da un’importante componente fisica. Crescenti evidenze suggeriscono che tali disturbi sono comuni anche tra i fisioterapisti, sebbene essi vantino una formazione ed un ventaglio di conoscenze che li rendono esperti in questo campo, e quindi presumibilmente meno soggetti a tali disturbi. L’intento di questo studio è quindi di verificare l’effettiva presenza di tale problema sanitario tra i fisioterapisti attivi nel Canton Ticino, fornendo una panoramica riguardo la situazione attuale dei DMSL. Metodologia Il design dello studio ha previsto una ricerca retrospettiva. Si sono innanzitutto ricercati studi e pubblicazioni inerenti ai DMSL all’interno delle banche dati scientifiche, che hanno costituito il punto di partenza per la formulazione di un questionario online. Il sondaggio, adattato in seguito alle necessità di questo studio, è stato inviato tramite posta elettronica a 400 fisioterapisti ticinesi attivi. L’indagine è stata progettata per ottenere informazioni epidemiologiche, le caratteristiche dei DMSL, le attività compiute con maggior frequenza e quelle percepite come contribuenti allo sviluppo di questi disturbi; e le reazione dei fisioterapisti di fronte a questa problematica. Risultati Il tasso di risposta all’indagine è stato del 32,3%. I risultati emersi indicano che quasi il 65% dei fisioterapisti ha avuto esperienza in materia di DMSL negli ultimi 24 mesi. La maggioranza dei partecipanti lavora presso studi privati con un impiego al 100%, svolge frequentemente attività fisica e riferisce un buono stato di salute generale. Il collo è risultata l’area più colpita dai DMSL, seguita da polso e/o mano. Il 37% dei fisioterapisti coinvolti nell’indagine ha ignorato il problema continuando a lavorare, mentre il 40,5% si è preso cura fin da subito, basandosi sulle proprie conoscenze o rivolgendosi ad un collega del team; senza però assentarsi dal lavoro. I fattori della pratica fisioterapica che hanno contribuito allo sviluppo di DMSL risultano essere lo sforzo massimo improvviso, il sollevamento di un paziente dipendente, il mantenimento di posizioni scorrette ed il trattamento di un numero eccessivo di pazienti al giorno. Conclusioni Questo studio ha permesso di confermare l’attualità del problema sanitario rappresentato dai DMSL tra i fisioterapisti ticinesi selezionati. Secondo i partecipanti all’indagine, la pratica fisioterapica assume un notevole ruolo nell’insorgenza e nello sviluppo di disturbi muscoloscheletrici. I DMSL non sembrano però compromettere la qualità della presa a carico fornita dai professionisti.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: disturbi muscolo-scheletrici, (DMS)
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1779

Actions (login required)

View Item View Item