Rianimazione cardio polmonare : impatto psicologico e strategie efficaci

Salvadori, Chiara (2017) Rianimazione cardio polmonare : impatto psicologico e strategie efficaci. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Salvadori Chiara.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background: Il tema del lavoro di tesi è l’impatto psicologico che ha la Rianimazione Cardiopolmonare sull’infermiere e le strategie che si possono utilizzare per farvi fronte. La RCP può provocare elevato stress nell’infermiere (Hunziker et al., 2012). Per coloro che affrontano l’RCP è importante utilizzare strategie per controllare le emozioni e fronteggiare lo stress. È fondamentale comunicare il proprio stato d’animo, in quanto consente all’operatore di superare i propri sensi di colpa, di rendersi conto di quanto è successo e di quali reazioni ha provocato (Jonsson, Segesten, & Mattsson, 2003). Obiettivi: Gli obiettivi della ricerca sono: comprendere come viene vissuto, espresso ed elaborato l’evento di RCP; verificare quali sono le conseguenze psicologiche degli infermieri; identificare se vi sono delle risorse e delle strategie utilizzate dal personale infermieristico per far fronte a tale situazione ed alla gestione delle proprie emozioni. Metodologia: Il seguente lavoro di tesi è suddiviso in due parti: la prima è caratterizzata dal quadro teorico tramite l’utilizzo di letteratura scientifica, relativo allo stress, le emozioni e le problematiche psicologiche legate alla RCP, i fattori di stress, l’etica della rianimazione, i traumi da stress, le strategie di gestione e la Best Practice. La seconda parte consiste in una ricerca di tipo qualitativo fenomenologico. Tramite l’utilizzo di interviste a domande aperte, sono stati intervistati sia 3 infermieri dal reparto di cure intensive, sia 3 dal reparto di Medicina 9° piano, in modo da indagare il vissuto e le emozioni soggettive di entrambe le parti. Risultati: Le emozioni provate sono l’ansia, l’insicurezza, l’impotenza e la paura di non essere adeguatamente performanti e di non intervenire rapidamente. La totale responsabilità viene data ai professionisti delle cure intensive, che però risentono di tale condizione. A livello etico, la RCP viene considerata una manovra corretta da attuare se decisa dal paziente, eccetto in caso di pazienti molto compromessi in quanto viene considerata un accanimento terapeutico. Gli strumenti e le strategie più utilizzate sono il confronto e il dialogo tra colleghi ed il Debriefing. Per quanto riguarda l’organizzazione e la gestione dell’evento, il professionista che deve intervenire per l’RCP viene scelto su base volontaria, oppure se ha un carico di lavoro basso. Conclusioni: Lo scopo di questa tesi è stato raggiunto e i dati raccolti confermano quanto emerso dalla letteratura analizzata. È risultato che la rianimazione cardiopolmonare spesso provoca nell’infermiere emozioni e sentimenti come la compassione, l’impotenza, la paura, il fallimento, il senso d’inadeguatezza. Essa genera nel professionista un elevato quantitativo di stress, ansia e tensione. Per fronteggiare la situazione sono necessarie delle strategie di Coping. Lo strumento che sembra di notevole aiuto è il Debriefing, ma nonostante tale bisogno dei professionisti sembrerebbe che venga attivato solo in casi particolari. Sarebbe quindi utile organizzare dei Debriefing strutturati aperti a tutti, ogni qualvolta vi sia una rianimazione, al fine di salvaguardare il personale infermieristico. I corsi BLS generano sicurezza nei professionisti. Sembrerebbe che il corso ACLS non venga certificato dall’ente ospedaliero. Sarebbe utile poter integrare tale corso nel curriculum formativo del reparto di cure intensive.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: rianimazione cardiopolmonare, RCP, stress, debriefing
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1749

Actions (login required)

View Item View Item