Il questionario sulla salute del paziente a 9 item : la rilevazione del disturbo depressivo nel malato di sclerosi a placche

Günther, Mafalda (2016) Il questionario sulla salute del paziente a 9 item : la rilevazione del disturbo depressivo nel malato di sclerosi a placche. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Gunther Mafalda.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Tematica Le evidenze ci indicano una stima di prevalenza di depressione maggiore nella persona affetta da sclerosi multipla (SM) del 50% circa sull’arco di vita del paziente e del 20% annualmente, a partire dall’insorgenza della SM (Siegert & Abernethy, 2005). Altre stime ci suggeriscono che attualmente si riesce a ridurre il disagio provocato da un concomitante disturbo depressivo solo in 1/3 dei casi con l’avvio di trattamenti adeguati (Van Zoonen, Buntrock, & Ebert, 2014). Diventa quindi una parte fondamentale della presa a carico del paziente affetto da SM, prendere in considerazione la prevenzione e/o il riconoscimento precoce di tale disturbo dell’umore (Van Zoonen et al., 2014). Durante le mie ricerche mi sono imbattuta nel PHQ-9 (Patient Health Questionnaire a 9 item, ovvero il Questionario sulla Salute del Paziente a 9 item), dall’uso semplice e veloce, che serve a evidenziare la presenza di eventuali sintomi depressivi (Amtmann, Kim, & Chung, 2014; Patten, Burton, & Fiest, 2014). Obiettivo L’intento principale è quello di valutare, tramite le evidenze presenti in letteratura, quanto il PHQ-9 sia uno strumento valido per il rilevamento dei sintomi depressivi dovuti, in primis, alla presenza di un disturbo depressivo maggiore nelle persone malate di sclerosi multipla; di conseguenza vedere se è effettivamente possibile prendere in considerazione tale formulario nella pratica infermieristica di reparto per valutarne un eventuale utilizzo futuro, anche all’interno degli ambienti ospedalieri ticinesi. Disegno di studio Questo lavoro prevede come parte introduttiva un quadro teorico, che funge come apporto di base con tutte le nozioni necessarie di background. Il corpo dello scritto corrisponde al capitolo della Metodologia, suddiviso in due: la prima parte consiste in un’analisi quantitativa, realizzata tramite una breve revisione di letteratura, che prevede la valutazione della sensibilità e specificità dello strumento in questione, l’esaminazione delle sue caratteristiche antropometriche e la sua attendibilità presso una popolazione di malati di sclerosi multipla. La seconda parte prosegue con un discorso invece più qualitativo, orientato verso la distribuzione e valutazione di tale questionario sul territorio ticinese ad alcuni utenti del Centro Sclerosi Multipla a Massagno. Risultati L’esposizione dei risultati mette in luce sia i punti forti che quelli deboli, raccolti durante l’analisi quantitativa e quella qualitativa. Sotto l’aspetto del rapporto sensibilità-specificità troviamo le percentuali che ci indicano rispettivamente un 95% e 88,3%, utilizzando un valore soglia standard di 10. D’altra parte però il valore predittivo positivo è situato intorno al 50%. L’affidabilità complessiva tra i vari item che lo compongono è soddisfacente. Da tenere conto però è il fatto che vi è una minima, ma comunque rilevante alterazione dell’item riguardante la fatigue. Solo durante e dopo la distribuzione del PHQ-9 in italiano ad alcuni utenti del centro SM sono sorte ulteriori riflessioni e criticità in merito alla formulazione degli item. I dati ottenuti dalla distribuzione a livello ticinese, sono a grandi linee correlabili a quelli pubblicati nella letteratura scientifica. (Amtmann et al., 2014; Patten et al., 2014; Sjonnesen, Berzins, & Fiest, 2012) Conclusioni Soppesando i dati ottenuti dalla ricerca in letteratura non è stato possibile trovare dei risultati che parlino in modo chiare e forte a favore dell’utilizzo del PHQ-9; al contempo però le sue caratteristiche lo rendono comunque adatto, soprattutto ad un uso nell’ambiente clinico. La scelta sul suo utilizzo è rimandata a discrezione del singolo, tenendo ben a mente che si tratta di uno strumento con limiti definiti e dichiarati. (Amtmann et al., 2014; Patten et al., 2014; Sjonnesen et al., 2012)

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: "sclerosi multipla", depressione, questionario, PHQ-9
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/554

Actions (login required)

View Item View Item