Scambio automatico di informazioni fiscali : implementazione nel diritto svizzero

Maric, Antonio (2015) Scambio automatico di informazioni fiscali : implementazione nel diritto svizzero. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Maric Antonio - Scambio automatico di informazioni fiscali.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

La Svizzera, in risposta a forti pressioni dalla comunità internazionale, nel recente passato ha radicalmente modificato il suo approccio al tema della collaborazione in ambito fiscale. Il cambiamento in questione è legato alla decisione di introdurre lo scambio automatico di informazioni e più in generale ad ampliare la collaborazione con le Giurisdizioni partner in merito alla corretta applicazione della tassazione dei contribuenti esteri che sono beneficiari redditi di varia natura in territorio elvetico. Trattandosi di un tema di forte attualità sia nazionale sia internazionale, l’elaborato ripercorre i momenti più rilevanti che hanno portato la Svizzera dall’essere considerata paradiso fiscale per persone residenti al di fuori dei propri confini a uno dei Paesi che ha direttamente contribuito alla creazione delle necessarie basi per l’introduzione del citato scambio automatico di informazioni. Il testo analizza, e in conclusione presenta, com’è stato reso concreto tale cambiamento, che ha inizio nel 2009 con la rinegoziazione di nuove CDI, comprendenti l’assistenza amministrativa su richiesta, sino ad arrivare alla sottoscrizione di accordi internazionali quali la Convenzione sull’assistenza amministrativa e, ai fini dell’introduzione dello scambio automatico di informazioni, il MCAA e la relativa legge d’accompagnamento, ovvero la LSAI. Questo può essere fatto unicamente se sono state create le basi legali nel diritto interno. Il processo di attuazione non è ancora stato definitivamente implementato poiché necessita l’approvazione delle autorità competenti, le quali stanno già discutendo la documentazione sottopostagli dal Consiglio federale. L’obiettivo che la Svizzera si è posta, prevede di eseguire il primo scambio di informazioni automatico, con gli Stati con i quali è in vigore un accordo in merito, nel 2018 e relativo a dati raccolti dagli istituti finanziari riferibili all’anno precedente. In tale ambito sono stati conclusi accordi bilaterali, anch’essi da sottoporre ad approvazione, con l’UE e con l’Australia. Altro contributo al lavoro è fornito da un sondaggio effettuato presso collaboratori attivi in una primaria banca elvetica nel settore della consulenza alla clientela internazionale. A essi è stato chiesto di esprimere il proprio parere in merito all’introduzione dello scambio automatico di informazioni così come esporre le proprie aspettative circa il futuro della piazza finanziaria svizzera. Il risultato informa che oltre il 60% degli interpellati è favorevole all’introduzione dello scambio automatico di informazioni in quanto ciò potrebbe portare dei benefici alla loro attività professionale in risultanza dell’aspettativa di poter accedere più facilmente ai mercati domestici di residenza dei propri clienti.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Vorpe, Samuele
Additional Information: Indirizzo di approfondimento: Banking & Finance
Uncontrolled Keywords: Svizzera, fiscalità, tassazione, accordi internazionali, istituti finanziari, banche
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/531

Actions (login required)

View Item View Item