Riforma SMC : la scuola come datore di lavoro : elaborazione di un sistema di indicatori per la valutazione dell'adempimento degli obiettivi formativi pratici nell'inserimento professionale

Brignoni, Annalisa (2014) Riforma SMC : la scuola come datore di lavoro : elaborazione di un sistema di indicatori per la valutazione dell'adempimento degli obiettivi formativi pratici nell'inserimento professionale. Master thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img]
Preview
Text
BrignoniAnnalisa_tesi_Master.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB) | Preview
[img]
Preview
Text (Allegato 1)
BrignoniAnnalisa_tesi_Master_Allegato 1.pdf - Supplemental Material
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (269kB) | Preview
[img]
Preview
Text (Allegato 2)
BrignoniAnnalisa_tesi_Master_Allegato 2.pdf - Supplemental Material
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (137kB) | Preview
[img]
Preview
Text (Allegato 3)
BrignoniAnnalisa_tesi_Master_Allegato 3.pdf - Supplemental Material
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (90kB) | Preview
[img]
Preview
Text (Allegato 4)
BrignoniAnnalisa_tesi_Master_Allegato 4.pdf - Supplemental Material
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (70kB) | Preview
[img]
Preview
Text (Allegato 5)
BrignoniAnnalisa_tesi_Master_Allegato 5.pdf - Supplemental Material
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (112kB) | Preview
[img]
Preview
Text (Allegato 6)
BrignoniAnnalisa_tesi_Master_Allegato 6.pdf - Supplemental Material
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (194kB) | Preview

Abstract

Le riforme scolastiche nascono dall’individuazione del legislatore di un problema o di un bisogno ritenuto rilevante per la collettività e dal riconoscimento della necessità di un intervento per trovare una soluzione e porvi rimedio. L’introduzione della riforma delle scuole medie di commercio (SMC) nasce per adattarsi alla nuova legge sulla formazione professionale che mira a “un sistema di formazione professionale che consenta all’individuo uno sviluppo personale e professionale e l’integrazione nella società, in particolare nel mondo del lavoro, rendendolo capace e disposto a essere professionalmente flessibile e a mantenersi nel mondo del lavoro” (Art. 3 cpv a LFPr). Secondo le disposizioni di legge, le scuole devono garantire che la formazione impartita trasmetta le competenze necessarie per poter conseguire l’Attestato federale di capacità. A tal fine le SMC hanno dovuto introdurre nei propri cicli di formazione la formazione professionale pratica, integrata nella formazione professionale di base. Anche a livello europeo la formazione professionale risulta particolarmente importante quale politica attiva del lavoro e numerose azioni sono state introdotte per una maggiore efficacia della formazione professionale. Tali considerazioni inducono a riflettere sulla possibilità di mettere in atto degli strumenti di valutazione e controllo dell’esito formativo, per verificare che le competenze pratiche che gli istituti scolastici sono chiamati a trasmettere, vengano effettivamente applicate dai formati al momento dell’inserimento nel mondo professionale. Attualmente infatti, nelle scuole medie di commercio ticinesi l’attenzione e le risorse dedicate al monitoraggio si concentrano sulla sola valutazione di processo. Questo lavoro si prefigge di accrescere le conoscenze in materia di innovazione scolastica offrendo alle scuole e ai loro referenti interni alcuni orientamenti per valutare l’effetto dell’implementazione dei piani formativi pratici introdotti con la riforma SMC. In particolare si prefigge di elaborare un sistema di indicatori atto a misurare e valutare l’adempimento degli obiettivi formativi pratici al momento dell’inserimento nel mondo professionale corredato da alcune proposte di utilizzo e sviluppo degli stessi. Nella metodologia di lavoro è stata data particolare attenzione alla dimensione partecipata, ciò ha portato al coinvolgimento diretto di numerosi stakeholders scolastici: aziende, responsabili direttivi, esperti, esponenti delle associazioni professionali. Essi sono stati coinvolti in focus group, interviste, sondaggi on-line per raggiungere i seguenti risultati: 1) la definizione di un catalogo delle competenze ritenute maggiormente rilevanti dai rappresentanti del mondo professionale locale per l’inserimento nell’attività lavorativa; 2) uno strumento validato per la rilevazione di tali competenze; 3) un set di indicatori per la valutazione con una proposta di indicazioni di sviluppo e modalità di utilizzo. L’adozione delle modalità d’azione proposte è un punto di partenza per introdurre nella scuola un concetto nuovo: una gestione della qualità che consideri la valutazione di effetto (outcome). In considerazione dell’innovatività formale del tema trattato, della complessità della finalità perseguita e della molteplicità di soggetti coinvolti, i risultati ottenuti vanno considerati come degli strumenti aperti ad ulteriori approfondimenti e modifiche.

Item Type: Thesis (Master)
Supervisors: Willi-Piezzi, Daniela
Additional Information: Indirizzo di approfondimento: Innovation Management
Uncontrolled Keywords: formazione, lavoro, scuole medie di commercio, competenze, Ticino, scuola, innovazione
Subjects: Economia
Management
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/500

Actions (login required)

View Item View Item