Il ruolo dell’infermiere nell’équipe di prevenzione secondaria ai pazienti post infarto miocardico

Vettivelu, Ginothan (2016) Il ruolo dell’infermiere nell’équipe di prevenzione secondaria ai pazienti post infarto miocardico. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Vettivelu Ginothan Tesi.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background Le patologie cardiache, tra cui l’infarto miocardico, colpiscono sempre più persone. Attualmente le morti per patologie cardiache si trovano al primo posto. Grazie a interventi sempre più rapidi si riesce a salvare sempre più vite. In seguito, viene effettuata una presa a carico interdisciplinare, con l’obiettivo di ridurre i fattori di rischio, attraverso una prevenzione secondaria. Esistono istituzioni che prendono a carico le persone colpite da infarto miocardico acuto. Le figure professionali che se ne occupano sono tutte specializzate nella cura dei pazienti, come ad esempio medici di famiglia, medici ospedalieri, infermieri, fisioterapisti, ergoterapisti, etc. Per migliorare le condizioni del pazienti è importante che la presa a carico sia sufficientemente complessa da garantirne un’efficacia prolungata. Scopo e obiettivi Lo scopo principale di questo lavoro è capire da chi è composta l’équipe di prevenzione secondaria e verificarne la funzione degli infermieri. Successivamente identificare il contesto nel quale si lavora per poi eventualmente riuscire a proporre un’équipe ideale al contesto locale. Metodologia Per questo lavoro di ricerca è stata eseguita una revisione bibliografica, attraverso l’analisi di banche dati pluridisciplinari e specifiche per l’ambito sanitario. Ho consultato libri per redigere la parte sulla comunicazione contenuta nel quadro teorico. Risultati La maggior parte degli articoli selezionati ha confermato che, per avere un outcome ottimale, è preferibile avere un’équipe interdisciplinare che effettui prevenzione secondaria. Gli infermieri sono visti come “bravi” professionisti nel dare spiegazioni sulla malattia e a tenere legata l’équipe sanitaria che effettua la presa a carico. La multidisciplinarietà dell’équipe è importante in quanto la collaborazione tra di loro permette un maggior scambio di informazioni e maggior opinioni sui risultati ottenuti. Conclusioni Dagli studi è dimostrato, che gli infermieri hanno una buona capacità di comunicazione e collaborazione all’interno dell’équipe multidisciplinare. All’équipe già presente a livello locale, si potrebbe consigliare di includere l’infermiere per migliorare maggiormente il servizio ottimale offerto.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: “Cardiac Disease”, “Prevention”, “Secondary Prevention”, “Lifestyle”, “Family”, “Parents”, “Education”, “Risk Factors”, “Acute Myocardial Infarction”.
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/464

Actions (login required)

View Item View Item