Voluntary disclosure : impatti sulla piazza finanziaria ticinese

Cecere, Erminia (2015) Voluntary disclosure : impatti sulla piazza finanziaria ticinese. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Cecere Erminia - Tesi definitiva.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Negli ultimi anni, molti Paesi, spinti dalla necessità di contrastare la crescente crisi finanziaria, in parte dovuta al fenomeno dell’evasione fiscale, hanno messo in atto delle procedure volte a far rientrare quei capitali da sempre detenuti nei cosiddetti paradisi fiscali. In questo contesto, l’Italia, uno dei Paesi da sempre vittima dell’evasione fiscale, il 15 dicembre 2014 ha emanato la legge 186/2014, vigente al 1° gennaio 2015, che mira all’emersione volontaria di quei fondi sottratti alla tassazione italiana e detenuti sia all’estero che in Italia, la cosiddetta voluntary disclosure italiana. Questa procedura tocca molto da vicino la Svizzera e soprattutto il Ticino che è da sempre rifugio di molteplici capitali, specialmente italiani. A tal proposito, l’obiettivo principale di questo lavoro di tesi è capire che impatti avrà il programma di voluntary disclosure italiano sulla piazza finanziaria ticinese. Grazie all’analisi dell’evoluzione del contesto fiscale internazionale, degli accordi che la Svizzera ha sottoscritto con l’Italia e l’Unione europea e i pareri dei professionisti in materia bancaria e di gestione patrimoniale presenti sul nostro territorio, è risultato che nel breve–medio periodo, gli impatti della voluntary disclosure italiana sulla piazza finanziaria ticinese saranno per lo più negativi, con un conseguente peggioramento di quest’ultima in termini economici e di posti di lavoro. Per contro, nel lungo periodo la Svizzera e nello specifico il Ticino potranno usufruire dei benefici derivanti dagli accordi con l’Italia, riuscendo ad avvicinarsi sempre di più alla clientela italiana, grazie all’uscita dalle black list ed alle prospettate facilitazioni che la Svizzera potrà avere nell’accesso al mercato italiano. Le principali difficoltà riscontrate nell’elaborazione di questo lavoro di tesi sono state la continua evoluzione della tematica in oggetto, data la sua attualità e la reticenza di alcuni professionisti coinvolti ad esporsi sul tema della voluntary disclosure e sulle conseguenze che potrebbe avere sugli istituti finanziari ticinesi.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Vorpe, Samuele
Additional Information: Indirizzo di approfondimento: Accounting & Controlling
Uncontrolled Keywords: crisi, fiscalità, evasione fiscale, fondi, Ticino, finanza, banca
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/440

Actions (login required)

View Item View Item