Motiv-azione : lavoro sulle condizioni che in ambito psichiatrico motivano le persone e favoriscono la loro partecipazione ad attività sportive di gruppo

Butti, Federica (2015) Motiv-azione : lavoro sulle condizioni che in ambito psichiatrico motivano le persone e favoriscono la loro partecipazione ad attività sportive di gruppo. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Butti F..pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (429kB)

Abstract

Lavoro che s'interroga sulle possibili condizioni che anche in un ambito psichiatrico possono motivare le persone e favorire la loro partecipazione ad alcune attività di gruppo, in particolar modo a un atelier a carattere sportivo. Il tema della motivazione in ambito psichiatrico è un tema molto vasto e a mio avviso interessante. Nel corso della mia esperienza di stage presso il Servizio di Socioterapia dell'Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale che, attraverso lo strumento del “Club terapeutico”, si occupa delle attività di animazione socioculturali, riabilitative e relazionali per gli ospiti che hanno frequentato o si trovano a Casvegno, ho subito notato come ciascun gruppo che veniva organizzato godesse di un'ottima affluenza. In modo particolare la mia attenzione si è focalizzata su un'attività ludico-corporea: il “Gruppo Sport”, che risulta essere uno degli ateliers maggiormente frequentati da più partecipanti molto eterogenei tra loro. Facendo delle attente riflessioni ho compreso che sarebbe stato interessante ragionare su tale successo interrogandomi su quale potesse essere la motivazione che spinge queste persone a partecipare. La tematica della motivazione è infatti importante per la professione di un educatore, perché la co-costruzione della stessa è proprio alla base della relazione educativa. L'obiettivo del mio Lavoro di Tesi è quindi quello di cercare di capire quali sono alcune possibili condizioni che generano motivazione in ambito psichiatrico e favoriscono la partecipazione ad attività gruppali. Dopo una prima parte teorica inerente il concetto di motivazione, segue una parte in cui mi focalizzo sul rapporto tra motivazione e attività sportiva di gruppo, che si concentra sui bisogni dell'uomo e sui possibili benefici dello sport anche in psichiatria. In seguito prendo in considerazione l'importanza della cura del clima relazionale nei gruppi, nonché la rilevanza del senso di appartenenza e del riconoscimento. La terza parte del lavoro è dedicata alle modalità che l'educatore può mettere in campo con lo scopo di motivare la sua utenza. Infine mi soffermo su alcuni dei concetti presenti nel modello della Psicoterapia Istituzionale francese (concetto di lavoro utilizzato presso il Servizio di Socioterapia OSC), poiché secondo me essendo un modello che lascia molta libertà di espressione all'individuo e ne valorizza talenti e potenzialità, è anch'esso una grande fonte di motivazione. Trattandosi di un'indagine di tipo qualitativo, per rilevare i dati necessari ho redatto settimanalmente dei diari di bordo e ho intervistato un operatore del Servizio. Al fine di rendere il lavoro il più completo possibile, ho inoltre proposto, promosso e organizzato una partita contro alcuni ragazzi del Liceo di Mendrisio, per dare forma concretamente alla possibilità di realizzare una reale sfida sportiva e “toccare” così la motivazione “quasi con mano”. La bibliografia vanta il supporto d'illustri autori e di diversi moduli della Supsi DEASS in Lavoro Sociale. In particolare mi sono maggiormente riferita a Gian Piero Quaglino, Paul Ricoeur e Giorgio Callea. Nella parte conclusiva del lavoro ho cercato di riprendere in modo sintetico tutte le tematiche trattate nel lavoro e ho riservato alcune pagine per riflettere in modo approfondito sulla professione dell'educatore e sul suo rapporto con la motivazione. Questa scelta è stata dettata dal desiderio che questo lavoro possa essere un valido sostegno per i futuri educatori che si apprestano a lavorare, invitandoli a considerare il potenziale che è insito nel modello della Psicoterapia Istituzionale o che presentano dei dubbi riguardanti la motivazione della propria utenza .

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale - Luogo di stage: Organizzazione Sociopsichiatrica Cantonale, Club 74
Uncontrolled Keywords: disagio psichico, sport
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/309

Actions (login required)

View Item View Item