Cellule impazzite? : il ruolo della narrazione nei gruppi parola presso la Lega ticinese contro il cancro

Bollati, Jessica (2015) Cellule impazzite? : il ruolo della narrazione nei gruppi parola presso la Lega ticinese contro il cancro. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Bollati J..pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Questo lavoro di tesi nasce dalla mia esperienza presso la lega ticinese contro il cancro, il servizio a scadenza regolare organizza e mette a disposizione i propri spazi e gli assistenti sociali con lo scopo di creare un luogo di incontro e dialogo aperto ai malati oncologici e ai familiari. Questi momenti prendono il nome di gruppo parola e lo scopo del presente lavoro è quello di appofondire alcuni aspetti di questi gruppi ponendo particolare attenzione al ruolo dell’assistente sociale e al ruolo della narrazione. L’atto narrativo si delinea come una pratica curativa secondo molte discipline quali: l’autobiografia, la logoterapia, i gruppi di auto mutuo aiuto e i gruppi parola a impronta psicoteraputica; prendendo in esame tutti questi fattori ho cercato di comprendere le peculiarità dei gruppi parola proposti dalla lega ticinese contro il cancro. Per svolgere la ricerca ho preso in esame l’adesione ai gruppi, le opinioni di alcuni operatori e le opinioni di alcuni utenti. Questo lavoro cerca di rispondere alla domanda: Qual è il ruolo dei gruppi parola nella LTC e come l’assistente sociale si pone al loro interno? E si stuttura fornendo un’indroduzione teorica per poi passare alla dissertazione. Quest’ultima prende in considerazione l'importanza del racconto e del gruppo per poi andare ad analizzare le interviste. La metodologia usata per attuare queste interviste prende spunto dall’approccio fenomenologico, il quale ha permesso un’ampia possibilità di espressione da parte degli utenti. Le riflessioni sorte da questo lavoro prendono in considerazione altre ricerche effettuate sul territorio e va ad integrarle tramite il contributo dell’utenza: sarebbe auspicabile un’incremento della presa a carico dal punto di vista psicologico dei malati oncologi, ma non solo, la strada della sensibilizzazione sembrerebbe ancora lunga. La persona malata si trova confrontata con una malattia che ha un importante peso non solo dal punto di vista biologico ma anche dal punto di vista sociale, consentire ai malati di esprimersi e farsi portavoce dei loro bisogni all’interno della società può aiutare il malato a vivere meglio la propria condizione.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Luogo di stage: Lega ticinese contro il cancro
Uncontrolled Keywords: tumore, oncologia, cura, racconto, malattia
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/294

Actions (login required)

View Item View Item