Giovani adulti in carcere

Minoletti, Carmen Renata (2015) Giovani adulti in carcere. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Minoletti C..pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (581kB)

Abstract

La tesi affronta il tema dell’adattamento all’istituzione carceraria di giovani detenuti. L’opportunità di sviluppare questo lavoro di tesi mi è stata offerta dall’Ufficio dell’assistenza riabilitativa (UAR) presso cui ho svolto lo stage. Il mandato assegnato agli assistenti sociali che vi lavorano è quello di accompagnare le persone durante il periodo di detenzione e, per alcuni di loro, anche una volta liberati. Tra gli assistiti la parte di giovani adulti (tra i 18 e i 25 anni) rappresenta, da alcuni anni a questa parte, un terzo di tutte le ammissioni. La tesi si focalizza sul percorso all’interno delle strutture del penitenziario cantonale ticinese di questi giovani. Lo scopo del lavoro è di comprendere in che modo l’esperienza carceraria trasforma l’identità di questi giovani. L’adattamento al mondo carcerario dei giovani li porterebbe ad assumerne attitudini e comportamenti peculiari. L’incarcerazione darebbe avvio alla loro carriera deviante. Per questi giovani non sembra essere il reato commesso a generare una nuova identità bensì l’esecuzione della pena detentiva comminata. Se appurata tale trasformazione ostacola il percorso di risocializzazione promosso da l’UAR La tesi ricostruisce le storie di cinque giovani detenuti e la progressiva assunzione della nuova identità. Attraverso i loro racconti e le osservazioni effettuate quale assistente sociale tirocinante del UAR sono stati descritti e analizzati i diversi percorsi. Il principale risultato dell’analisi qualitativa è l’aver rilevato per ciascun di loro un effettivo cambiamento avvenuto lungo il processo di “prigionizzazione”. Nelle conclusioni si discutono le conseguenze dell’accettazione dell’etichetta da parte dei giovani detenuti e in che modo contrastare questo effetto deleterio dell’incarcerazione. Inoltre per molti di loro il supporto da parte del UAR termina con la scarcerazione: si tratta di giovani che non possono restare in Svizzera e una volta scontata la pena vengono estradati verso i loro paesi di origine. Tutti elementi che concorrono a spiegare l’alto tasso di recidiva di questa fetta di popolazione. Ci si chiede quindi se non vi siano altre strade da percorrere affinché gli investimenti in termini di assistenza riabilitativa portino migliori frutti. La proposta è quella di offrire a questi giovani adulti la possibilità di scontare la pena in un centro educativo evitando loro un’incarcerazione in una struttura penale.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Luogo di stage: Ufficio dell'assistenza riabilitativa (UAR)
Uncontrolled Keywords: adattamento, prigione, detenuti, detenzione, giovani, incarcerazione, assistenza riabilitativa
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/293

Actions (login required)

View Item View Item