Ideatorio (Cadro), il cervello una macchina (im)perfetta

Felici, Filippo (2018) Ideatorio (Cadro), il cervello una macchina (im)perfetta. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text (Tavola 1)
SUPSI-Filippo Felici-1.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (10MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 2)
SUPSI-Filippo Felici-2.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (14MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 3)
SUPSI-Filippo Felici-3.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (51MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 4)
SUPSI-Filippo Felici-4.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (36MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 5)
SUPSI-Filippo Felici-5.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (31MB) | Request a copy
[img] Text (Tavola 6)
SUPSI-Filippo Felici-6.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (15MB) | Request a copy

Abstract

L’idea di progetto si inspira all’esposizione di Irwin a Villa Panza, con un sistema espositivo costituito da dei teli di differente grammatura, i quali dividono e dettano gli spazi, permettendo comunque di vedere attraverso percependo dunque tutta la mostra. Gli spazi saranno occupati da diverse postazioni interattive, riguardanti le varie tematiche: memoria e attenzione, neuroplasticità, percezione del reale, creatività, emozioni e scelte morali. Tutte queste tematiche saranno affiancate da alcune patologie, esposte sempre interattivamente. Lo spazio sarà avvolto da questi tessuti, nascondendo l’esistente cercherò di far immergere il visitatore in un ambiente scuro e misterioso, cercando di neutralizzare il più possibile i supporti espositivi. Tali supporti saranno rivestiti dello stesso materiale del pavimento (feltro fieristico grigio scuro), come se emergessero dal suolo. In contrapposizione ci sono i teli che non toccano il pavimento, sorretti da un sistema di tiranti a soffitto. Grazie a questo sistema di tendaggi sarà possibile trasformare lo spazio a dipendenza dei visitatori. Il percorso è stato pensato in senso anti orario, sfrutta l’atrio in cima alle scale come spazio introduttivo e di raccolta; la mostra inizierà con un tunnel immersivo, costituito da due pareti di Led, che guiderà il visitatore verso l’esposizione; passato il tunnel ci troveremo nella sala principale con tutte le postazioni; il percorso si conclude con la saletta adiacente, dove una parete di monitor divide lo spazio e nasconde il cervello vero, ultimo e unico oggetto vero della mostra.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Zaccarelli, Giulio
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura d'interni
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2413

Actions (login required)

View Item View Item