Ergonomia della movimentazione della persona fisicamente disabile. Valutazione della trasmissione d'informazioni per i caregiver familiari sull'applicazione dell'ergonomia sulla persona fisicamente disabile : una ricerca sul campo ticinese e valutazione della proposta di un corso

Frick, Cassandra (2018) Ergonomia della movimentazione della persona fisicamente disabile. Valutazione della trasmissione d'informazioni per i caregiver familiari sull'applicazione dell'ergonomia sulla persona fisicamente disabile : una ricerca sul campo ticinese e valutazione della proposta di un corso. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Frick Cassandra.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

Contesto: L’ergonomia nella movimentazione della persona disabile è un argomento molto dibattuto poiché, lo spostamento delle persone che necessitano dell’aiuto di terzi crea molte difficoltà in diversi ambiti. Infatti, sia l’operatore che l’utente sono a rischio di lesioni muscolo-scheletriche se il transfer non è eseguito in maniera ergonomica. Nell’ambito del volontariato ticinese e dei caregiver famigliari che si prendono cura della persona disabile, sono argomenti che sono poco conosciuti e si riscontrano diverse difficoltà nella presa a carico della persona disabile. Obiettivi: Gli obiettivi di questo Lavoro di Tesi sono di valutare se un corso, inerente al tema dell’ergonomia nei transfer, proposto ad un gruppo di volontari, sia stato efficace e di proporlo ai caregiver famigliari. Pertanto, per proporre un corso a questa popolazione, è necessario indagare quali sono le difficoltà riscontrate dalle famiglie curanti e se vi è interesse nello svolgere un corso su questo argomento. Metodologia: Sono stati distribuiti dei questionari ai volontari, i quali lavorano con persone disabili e hanno partecipato al corso. L’obiettivo del questionario era di comprendere se ritengono che il corso sia stato efficace, specificando se hanno notato delle differenze nell’esecuzione dei transfer e dei dolori muscolo-scheletrici. Da parte dei volontari, sono stati raccolti sei questionari. Sono stati consegnati ulteriori questionari alle famiglie caregiver per indagare quali sono le difficoltà che riscontrano nella presa a carico della persona disabile, se soffrono di dolori muscolo-scheletrici che potrebbero essere collegati all’esecuzione dei transfer, se possiedono delle conoscenze inerenti al tema e quali sono, secondo loro, le strategie migliori per divulgare le informazioni inerenti all’ergonomia. Da parte dei caregiver, sono state ottenute quattro risposte. Risultati: Per quel che concerne i volontari, il 100% ha notato una differenza nell’esecuzione dei transfer, pertanto il 63.3 % sostiene che non si ricorda di tutti i passaggi da eseguire. Mentre il 66.7 % ha comunicato che i dolori muscolo-scheletrici sono diminuiti dopo aver partecipato al corso. I caregiver famigliari riscontrano maggiori difficoltà negli spostamenti con la carrozzina (23 %) e solamente il 7.7 % ha difficoltà nell’esecuzione dei transfer. Pertanto, tutti riscontrano delle fatiche in alcuni transfer sostenendo che hanno una difficoltà di 4 su 5 nell’esecuzione dei transfer (75 %). Il 50 % della popolazione soffre di dolori muscolo-scheletrici che, secondo loro, potrebbero essere collegati con l’esecuzione dei transfer. Per quel che concerne le conoscenze inerenti al tema, il 75 % non possiede informazioni di qualsiasi tipo sull’ergonomia. Secondo i caregiver famigliari, il metodo migliore per divulgare le informazioni inerenti all’ergonomia sarebbe tramite libretti illustrativi (33 %). Conclusioni: Malgrado che il corso sia stato ritenuto efficace, anche se necessita di modifiche, e che la letteratura conferma i rischi di lesioni, i caregiver famigliari non sono propensi alla partecipazione di un corso. Pertanto, vi è un importante interesse da parte loro di ricevere delle informazioni inerenti al tema perciò, si potrebbe valutare ad un metodo alternativo che si addice maggiormente alle loro esigenze e alla prevenzione di lesioni muscolo-scheletriche. Per esempio, si potrebbe valutare alla creazione di un libro illustrativo o a degli interventi direttamente al domicilio delle famiglie caregiver.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: Ergonomia, persona fisicamente disabile, caregivers, familiari curanti
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2226

Actions (login required)

View Item View Item