L'assistenza infermieristica nella gestione delle complicanze post impianto di c : revisione della letteratura

Foletti, Francesca (2018) L'assistenza infermieristica nella gestione delle complicanze post impianto di c : revisione della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Foletti Francesca.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

Background: A causa della crescente aspettativa di vita e della migliore individuazione dei pazienti ad alto rischio di aritmie ventricolari, un numero di persone sempre più elevato viene sottoposto ad un impianto di defibrillatore cardiaco impiantabile. Di conseguenza gli operatori sanitari di molte, se non tutte le discipline, si troveranno a doversi prendere a carico di questa tipologia di pazienti e dover gestire le complicanze che si possono manifestare dopo l’impianto. Per questo motivo risulta essenziale una conoscenza globale del dispositivo (compreso il suo funzionamento e le sue indicazioni e controindicazioni terapeutiche) e delle complicazioni che possono svilupparsi. Scopi e obbiettivi: Il principale scopo di questo lavoro è quello di riuscire a far chiarezza in merito a quali sono le complicanze che più frequentemente si possono sviluppare in seguito alla posa di un defibrillatore cardiaco impiantabile in modo da poterle individuare tempestivamente. Inoltre vorrei evidenziare quale sia la loro gestione e presa a carico infermieristica più idonea ed ottimale. Metodologia: La metodologia utilizzata in questo lavoro è una ricerca di tipo qualitativo, più nello specifico una revisione della letteratura. Sono stati analizzati e discussi 7 articoli scientifici i quali sono stati selezionati da diverse banche dati. Risultati: Dagli studi scientifici analizzati è emerso che le principali complicazioni che possono insorgere nel post impianto di defibrillatore cardiaco impiantabile sono principalmente quattro: la dislocazione degli elettrocateteri, l’infezione, l’ematoma tascabile e il pneumotorace. Sebbene ogni studio dimostra un ordine di prevalenza differente, la complicazione che è risultata più frequente è stata il dislocamento dell’elettrocatetere Conclusioni Sono presenti una varietà di potenziali complicazioni Associate all'impianto di dispositivo cardiaco impiantabile sono presenti diverse potenziai complicazioni differenti che possono svilupparsi sia durante, poco dopo e a lungo termine per tutta la vita. Sebbene ogni complicanza presenti una gestione specifica e dunque la presa a carico infermieristica risulta differente, il monitoraggio subito dopo l’impianto per tenere sotto controllo ed evitare la comparsa di complicazioni è universale. Inizialmente, se richiesta, viene posizionata la telemetria e bisogna far rispettare il riposo assoluto al paziente per 24 ore. Successivamente si valuta con il medico il corretto funzionamento del dispositivo impiantato; si controlla e si medica la ferita chirurgica. Due giorni dopo l’intervento il paziente viene scollegato dal monitor e mobilizzato. Vengono eseguito inoltre un Elettrocardiogramma ed una radiografia del torace in proiezione anteroposteriore e anterolaterale in modo da escludere qualsiasi apparente complicanza (Miceli, Tozzi, Di Giulio, & Sabbadin, 2005).

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: Defibrillatore cardiaco impiantabile, complicazioni post impianto
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/2224

Actions (login required)

View Item View Item