Creazione e valutazione dell'effetto di un protocollo progressivo di esercizi di rinforzo della muscolatura di spalla e scapola nei nuotatori di competizione

Bianchi, Eugenio (2015) Creazione e valutazione dell'effetto di un protocollo progressivo di esercizi di rinforzo della muscolatura di spalla e scapola nei nuotatori di competizione. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Eugenio Bianchi_CREAZIONE E VALUTAZIONE DELL’EFFETTO DI UN PROTOCOLLO PROGRESSIVO DI ESERCIZI.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (3MB)

Abstract

Introduzione Il nuoto agonistico di alto livello richiede la più totale dedizione alla disciplina da parte dell’atleta che viene sottoposto a notevoli sollecitazioni fisiche in grado di generare squilibri all’apparato muscolo-scheletrico. Questi possono tradursi in problematiche che colpiscono l’articolazione della spalla e manifestare sintomi tali da limitare o interrompere l’attività. I disturbi della “spalla del nuotatore” hanno in genere un’eziologia poco chiara e sono affrontati all’interno delle società sportive in modo improvvisato attraverso interventi disorganizzati. Nella pratica agonistica i programmi di prevenzione agli infortuni e di rinforzo specifico per la spalla ricoprono un ruolo minoritario e, se attuati, vengono eseguiti senza seguire precise indicazioni. Obiettivi L’obiettivo principale di questo studio è di fornire ad atleti e allenatori un protocollo di esercizi di rinforzo della muscolatura della spalla e della scapola, suddiviso in tre fasi progressive, che risponda in maniera ottimale alla realtà territoriale. Il protocollo è stato sviluppato considerando le esigenze e preferenze degli sportivi, così che possano, attraverso questo strumento, gestire in maniera autonoma le attività di rinforzo e prevenzione. Lo studio ha inoltre l’obiettivo di valutare l’effetto del programma in maniera oggettiva e di sensibilizzare la popolazione di riferimento fornendo delle conoscenze rispetto a nozioni anatomiche di base e sulla problematica della “spalla del nuotatore”. Metodologia Si tratta di uno studio di casi declinato in una forma di “progetto pilota”. Il protocollo è fondato su una base teorica sostenuta da pubblicazioni scientifiche, da atlanti di anatomia e fisiologia del movimento e da manuali fisioterapici. Hanno preso parte allo studio sei nuotatori di competizione che sono stati invitati a eseguire il protocollo giornalmente per un periodo di un “macrociclo” di allenamenti della durata di circa tre mesi. Per la valutazione dell’effetto si è raccolto del materiale video-fotografico a inizio e fine studio che è stato in seguito confrontato. I parametri di rivalutazione fisioterapici utilizzati come riferimento hanno riguardato i cambiamenti rilevati durante i movimenti attivi di flessione e abduzione bilaterale delle spalle e della postura statica rilevata su tre piani. L’aderenza terapeutica, la motivazione e le preferenze dei nuotatori sono state sondate attraverso un questionario motivazionale. Risultati I risultati ottenuti evidenziano dei cambiamenti positivi osservabili in seguito al periodo di trattamento e dimostrano l’efficacia del programma. In particolare la flessione e l’abduzione bilaterale attiva si sono avvicinate ai parametri fisiologici ideali del movimento, mentre non sono stati evidenziati cambiamenti posturali. Da queste evidenze si può affermare che il protocollo abbia una valenza preventiva, prestativa, terapeutica e che ha inoltre riscontrato un buon gradimento da parte degli atleti. Gli sportivi coinvolti hanno appreso nozioni anatomiche e sono stati sensibilizzati rispetto ai principali problemi che coinvolgono il complesso articolare della spalla. Conclusioni Lo studio ha fornito agli atleti uno strumento per gestire in autonomia la parte di preparazione fisica dedicata al rinforzo e alla prevenzione del complesso articolare della spalla. L’avvicinamento ai parametri fisiologici del movimento dimostra l’efficacia del protocollo nell’immediato e permette di ipotizzare che attuandolo diminuisca il rischio di sviluppare problematiche alla spalla e di migliorare le performances sportive.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: “Swimming”, “Shoulder”, “Prevention”, “Physical Therapy
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/191

Actions (login required)

View Item View Item