Indagine quantitativa su mal di schiena : presenza nella popolazione ticinese dei sette miti di Deyo

Budakovic, Dragana and Petrova, Sandra (2015) Indagine quantitativa su mal di schiena : presenza nella popolazione ticinese dei sette miti di Deyo. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Dragana Budakovic, Sandra Petrova_INDAGINE QUANTITATIVA SUL MAL DI SCHIENA.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Contesto Il mal di schiena è uno dei maggiori problemi di salute pubblica e la principale causa di disabilità. Otto persone su dieci riferiscono di aver sofferto di dolori alla schiena almeno una volta nel corso della loro vita. Vi sono sempre più evidenze riguardo al ruolo dei fattori psicosociali, i quali concorrono allo sviluppo di dolore cronico e disabilità. Tra questi vi sono le credenze. Obiettivo L’obiettivo principale di questa ricerca è investigare, attenendosi ai sette miti di Deyo, l’attuale presenza nella popolazione ticinese di alcune credenze riguardanti il mal di schiena. Lo studio si propone di verificare se l’età, il sesso e il livello d’istruzione possono influire sulla prevalenza di queste convinzioni. Inoltre si propone di investigare se la consultazione di un fisioterapista favorisce ad attenuare l’adesione ai miti proposti. Design di studio Studio con approccio quantitativo attraverso la somministrazione di un questionario su un campione di popolazione generale maggiorenne residente in Ticino. Metodologia Ai partecipanti è stato chiesto di compilare una parte dedicata ai dati socio-demografici, di riferire se ha mai sofferto di mal di schiena e in caso di risposta positiva di segnalare a quali figure professionali si sono rivolti. In seguito è stato chiesto loro di esprimere il loro grado di condivisione rispetto ai sette miti di Deyo. Durante i mese di aprile e maggio sono stati raccolti 114 questionari online e sono state effettuate cinque uscite sul territorio che hanno permesso di somministrare 323 questionari in formato cartaceo. Il totale dei questionari raccolti è risultato pari a 437. Rispettando i criteri iniziali il campione finale si è ridotto a 429 partecipanti. Risultati Il 75% della popolazione intervistata riporta di aver sofferto di mal di schiena. Del campione totale il 47% concorda che “La maggior parte dei mal di schiena è causato da infortuni o dal sollevamento di carichi pesanti”, il 45% crede che “Chi soffre di mal di schiena dovrebbe fare una radiografia della colonna vertebrale”, il 39% pensa che “La radiografia e altri esami diagnostici, quali la risonanza magnetica e la TAC, riescono sempre ad identificare la causa del dolore”, il 32% concorda sul fatto che “Se le fa male la schiena dovrebbe stare tranquillo fino a quando il dolore non scompare”, il 31% sostiene che “Se ha un’ernia del disco deve farsi operare”, il 25% ha risposto che “Solitamente il mal di schiena è invalidante” e il 12% considera che “Rimanere a letto è fondamentale per la terapia”. Conclusioni La prevalenza del mal di schiena risulta essere molto alta e alcuni miti risultano essere ancora presenti. Il sesso non appare essere un fattore che influisce sull’adesione a determinate credenze. L’età e il livello di istruzione risultano influire e la consultazione di un professionista sembra non aiutare a sfatare queste convinzioni

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: LBP, myths, misconceptions, beliefs, care seeking
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Fisioterapia
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/190

Actions (login required)

View Item View Item