Scale di valutazione dello stato confusionale acuto nelle cure intensive : una revisione della letteratura.

Prati, Annia (2015) Scale di valutazione dello stato confusionale acuto nelle cure intensive : una revisione della letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Annia Prati_Scale di valutazione dello stato confusionale acuto.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (430kB)

Abstract

Background Il delirium nelle cure intensive ha una prevalenza che varia tra il 60 e l'87%. È una sindrome che si manifesta con alterazione della coscienza: sono presenti disturbo del pensiero e dell'attenzione. Lo stato confusionale acuto produrrà nei prossimi anni un incremento della spesa dell'assistenza sanitaria: in Svizzera si stima che i suoi costi ammontino a 926 milioni CHF. La sindrome è associata all'incremento di morbilità e mortalità, al declino delle capacità funzionali e cognitive con perdita di indipendenza, all'aumento della durata del ricovero e a un tasso maggiore di istituzionalizzazioni. La diagnosi e il trattamento precoce permettono di prevenire le complicazioni e i danni permanenti. Le diagnosi errate della sindrome variano tra il 32 e il 67%. Obiettivi Lo scopo di questo lavoro è quello di rispondere alla domanda di ricerca “Quali sono le scale di valutazione più efficaci per identificare e diagnosticare precocemente uno stato confusionale acuto in pazienti degenti nelle cure intensive?”. L'obiettivo di questo lavoro è quello di accertare quale strumento utilizzabile dal personale infermieristico sia il più efficace nell'individuare precocemente persone affette da delirium e prevenire così complicazioni e ridurre i costi dell'assistenza sanitaria. Metodologia Per questo lavoro di tesi è stato utilizzato il metodo della revisione sistematica della letteratura. È stata effettuata una ricerca sistematica sulle seguenti banche dati: CINHAL (EBSCO), PubMed, Wiley - Blackwell, Springer Link - Kluver, Medline. Per lo svolgimento di questa revisione sono stati ritenuti eleggibili e considerati 11 articoli. Risultati Dagli articoli selezionati emerge che sono state analizzate e utilizzate le seguenti scale: CAM-ICU, DDS, ICDSC, NEECHAM, Nu-DESC. Di questi strumenti sono state rilevate le proprietà psicometriche, il tempo impiegato per completarlo, la facilità d'uso (il livello di competenza necessario) e chi lo può utilizzare. Conclusioni La CAM-ICU è risultata la migliore scala da utilizzare nelle cure intensive grazie ai buoni risultati delle proprietà psicometriche e alla rapidità e facilità d'uso. Vi è necessità di ulteriori ricerche sui seguenti temi: fattori di rischio, prevenzione, prognosi, esiti a lungo termine; sviluppare uno strumento che sia in grado di rilevare anche il delirium ipoattivo; studiare lo stress che la sindrome causa in pazienti, famigliari e équipe; validare le scale in pazienti con malattia psichiatrica, demenza o con età superiore a 65 anni. I limiti della revisione della letteratura sono i seguenti: la popolazione selezionata negli studi è eterogenea, le ricerche sono state effettuate in diverse nazioni, non c'è uniformità nella metodologia per valutare le proprietà psicometriche delle scale, in alcuni casi è stato negato l'accesso ad alcuni articoli presenti nelle banche dati.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: Delirium, ICU, assessment, scale, tools, recognition, screening, reliability, validity, psychometric properties, validation
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/182

Actions (login required)

View Item View Item