L’applicazione delle tecniche cognitivo-comportamentali nei pazienti affetti da depressione bipolare : revisione di letteratura

Soldati, Camilla (2016) L’applicazione delle tecniche cognitivo-comportamentali nei pazienti affetti da depressione bipolare : revisione di letteratura. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI).

[img] Text
Soldati Camilla.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

Background: i pazienti affetti dal Disturbo Bipolare vivono l’alternarsi di fasi depressive e maniacali con una costanza variabile. Questi utenti presentano la tendenza a ruminare in risposta a eventi negativi e ciò sembra creare un ciclo di auto-perpetuazione di questi pensieri con la diminuzione della motivazione e d’interesse; tutto questo può condurre a un nuovo episodio depressivo. Alcune pratiche come la Terapia Cognitivo-Comportamentale (CBT) e la Mindfulness-Based Cognitive Therapy (MBCT), aiutano a modificare la relazione tra situazioni che creano difficoltà e le abituali reazioni emotive e comportamentali che la persona mette in atto in tali circostanze, attraverso l’apprendimento di nuove modalità di risposta, l’esposizione graduale alle situazioni temute e il fronteggiamento attivo degli stati di disagio. Obiettivi: comprendere i vari aspetti che caratterizzano il Disturbo Bipolare; approfondire le conoscenze sulla Terapia Cognitivo-Comportamentale, ed in particolare sulla Mindfulness-Based Cognitive Therapy; ricercare gli effetti positivi che tale approccio comporta nel miglioramento della gestione della sintomatologia depressiva dell’utente aiutandolo ad incrementare l’aderenza alla terapia farmacologica e ridurre le ospedalizzazioni; riflettere in merito a come la figura dell’infermiere possa orientare e sostenere il paziente aiutandolo a sviluppare le sue potenzialità attraverso processi di natura cognitiva, promuovendo atteggiamenti attivi e stimolando le capacità di scelta utili per la risoluzione di problemi. Metodo: per l’elaborazione di questo lavoro di tesi ho deciso di usare come metodologia la revisione della letteratura utilizzando le keywords finalizzate alla ricerca di articoli scientifici pubblicati tra gli anni 2000 e 2015 compresi, rispondenti ai criteri di inclusione ed esclusione e agli obiettivi della tesi. Risultati: secondo i dati emersi si evincono numerosi benefici a lungo termine come ad esempio la riduzione dell’intensità e della durata della sintomatologia depressiva, la riduzione dei sintomi depressivi residui, maggior compliance e aderenza al trattamento terapeutico, miglior adattamento psicosociale e miglior percezione della propria qualità di vita, miglioramento delle funzioni esecutive, della capacità di concentrazione, della memoria, della concentrazione e della propria consapevolezza. Conclusioni: diversi sono gli studi che trattano l’efficacia dell’approccio cognitivo-comportamentale per i pazienti con depressione unipolare e bipolare. Soprattutto la MBCT rappresenta un trattamento d’elezione per la gestione della sintomatologia depressiva. Gli studi degli ultimi anni hanno indagato come la meditazione possa aiutare le persone a stare meglio dopo essere state trattate con successo per la depressione. Tale tecnica riuscirebbe a prevenire nuovi episodi depressivi.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: cognitive-behavioral therapy; bipolar patients; bipolar disorder; depression relapses; cognitive and neurophysiological basis; emotion dysregulation; cognitive restructuring; mindfulness-based cognitive therapy; depressive symptoms.
Subjects: Sanità
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Cure infermieristiche
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1380

Actions (login required)

View Item View Item