In che modo l’Industria 4.0 può rispondere alle difficoltà congiunturali e strutturali dell’economia del Canton Ticino?

Ferretti, Fabio (2016) In che modo l’Industria 4.0 può rispondere alle difficoltà congiunturali e strutturali dell’economia del Canton Ticino? Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Ferretti_Fabio_Tesi_Bachelor.pdf - Published Version
Restricted to Registered users only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

L’Industria 4.0 riguarda la digitalizzazione e l’integrazione di tutte le attività della catena del valore. Ciò permette di ottimizzare l’organizzazione e il controllo dei processi aziendali, riducendo lo spreco di risorse e quindi riducendo i costi. Per fare ciò devono essere implementati dei sistemi ciberfisici (CPS) che uniscono le capacità elettromeccaniche delle macchine alle capacità computazionali dei computer. I CPS necessitano che le macchine, i materiali e i prodotti siano dotati di chip di identificazione e di localizzazione, di sensori, di tecnologie wireless, di tecnologie internet e di un’infrastruttura informatica moderna, facile ed ergonomica. Il mercato sempre più digitale richiede dei prodotti sempre più personalizzati alle richieste del singolo cliente; le tecnologie racchiuse nell’Industria 4.0 permettono di raggiungere flessibilità e modularità, necessarie per rispondere a queste nuove esigenze. Per raggiungere questo importante obiettivo però, non basta integrare le nuove tecnologie, bensì si deve riorganizzare l’azienda secondo le nuove esigenze, modificandone anche i profili richiesti al suo interno. Stanno emergendo modelli di organizzazione aziendale “a sciame” dove le tante competenze necessarie possono interagire, creando maggiore valore. Anche il rapporto con gli stakeholder cambia; si cerca sempre più la collaborazione e l’integrazione tra le aziende, cercando di creare una connessione in rete di tutti gli stakeholder. È evidente che si rende necessaria una riorganizzazione aziendale completa. Ciò comporta notevoli rischi, per le PMI soprattutto, dovuti sia a lacune di competenze che di risorse finanziarie. È importante perciò che gli Stati implementino normative e standard, oltre che infrastrutture adeguate. Organizzazioni, sia private che pubbliche, devono sviluppare una strategia chiara ed essere un punto di riferimento per le aziende. Devono inoltre garantire la formazione di competenze adeguate. Se la Germania è un esempio da seguire in questo campo, la Svizzera sta affrontando troppo superficialmente questo fenomeno e non deve rischiare di perdere il treno. Anche in Ticino il tema deve essere affrontato. Un questionario mostra come le aziende ticinesi non conoscono abbastanza il fenomeno e non lo reputano ancora urgente; mostra anche che le PMI del Cantone non hanno le risorse e le competenze necessarie. Esistono fortunatamente società all’avanguardia, dove le competenze non mancano e che possono guidare ogni singolo caso nella transizione verso l’Industria 4.0.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Alberton, Siegfried
Additional Information: Indirizzo di approfondimento: Banking & Finance
Uncontrolled Keywords: catena del valore, CPS, PC, computer, tecnologia, fornitori, Piccole Medie Imprese, competenze
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1378

Actions (login required)

View Item View Item