La responsabilità sociale d’impresa nel settore dell’abbigliamento sportivo : il caso Nike

Baratti, Mattia (2016) La responsabilità sociale d’impresa nel settore dell’abbigliamento sportivo : il caso Nike. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Baratti_Mattia_Tesi_Bachelor.pdf - Published Version
Restricted to Registered users only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (2MB)

Abstract

A metà degli anni Novanta, Nike è stata accusata pubblicamente di sfruttare i propri lavoratori, soprattutto il lavoro minorile. A causa della reazione dell’opinione pubblica, dei media e delle ONG lo scandalo ha assunto dimensioni talmente grandi che nel 1998 anche il suo CEO e fondatore, Phil Knight, è stato costretto a dichiarare che il prodotto Nike era diventato sinonimo di salari troppo bassi e lavoro straordinario forzato (Francesca Romana Rinaldi & Salvo Testa, 2013). Da quest’affermazione nasce il lavoro di tesi, che ha come scopo primario capire come la multinazionale sia riuscita a superare questo scandalo e a stravolgere completamente la propria strategia di business, passando dall’essere considerata il “diavolo” per quanto riguarda il rispetto dei lavoratori, a un esempio da seguire sotto il punto di vista della responsabilità sociale d’impresa. Nike è riuscita a fare questo cambiamento radicale grazie all’implementazione di una nuova politica aziendale basata sulla trasparenza e sulla responsabilità sociale. Infatti, l’impresa ha rivisto completamente la propria filiera produttiva ed ha implementato numerose iniziative sul piano dell’etica. La svolta avvenne il 12 aprile 2005, quando l’azienda pubblicò il corporate responsability report del 2004, nel quale veniva divulgata l’ubicazione delle aziende produttrici e le condizioni di lavoro che vigevano al loro interno. Questo documento fu una vera rivoluzione per quanto riguarda la trasparenza aziendale, siccome da quel momento in poi tutti gli stakeholder potevano monitorare e valutare la situazione della supply chain aziendale. Nike considerò questo report non come un punto d’arrivo, ma come punto di partenza. Infatti, dal 2005 in poi non si è più fermata e ha continuato a incrementare azioni innovative di CSR cercando di rendere i prodotti totalmente sostenibili lungo tutto il loro ciclo di vita e di sfruttare il suo ruolo da “big player” nell'economia per essere uno dei protagonisti nella promozione e sensibilizzazione della responsabilità sociale.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Carletti, Caterina
Additional Information: Indirizzo di approfondimento: Marketing & Sales
Uncontrolled Keywords: multinazionali, strategia, business, politica aziendale, socialità, etica
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1375

Actions (login required)

View Item View Item