Costruire bene

Rippstein, Eric (2016) Costruire bene. Bachelor thesis, Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana.

[img] Text
Tavola 1.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB) | Request a copy
[img] Text
Tavola 2.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (3MB) | Request a copy
[img] Text
Tavola 3.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB) | Request a copy
[img] Text
Tavola 4.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (3MB) | Request a copy
[img] Text
Tavola 5.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (2MB) | Request a copy
[img] Text
Tavola 6.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (888kB) | Request a copy
[img] Text
Tavola 7.pdf
Restricted to Repository staff only
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives.

Download (1MB) | Request a copy

Abstract

Il posizionamento e la forma dell'edificio sono stati scelti per operare un completamento del comparto esistente, in modo da creare una nuova corte interna semipubblica di qualità. Esattamente come le opere degli edifici adiacenti, progettati dagli architetti Dolf Schnebli e Rino Tami, il volume dell'edificio viene spezzato in più parti in modo da far percepire una dimensione più domestica del fabbricato. L'edificazione in blocchi permette inoltre di rispettare maggiormente la morfologia del terreno e rende possibile un distanziamento ottimale tra gli edifici. I percorsi sono stati studiati in modo da situare le percorrenze principali ai lati del comparto, in modo da garantire una completa accessibilità anche da parte delle persone diversamente abili. Gli spazi esterni privati sono stati volontariamente omessi dal progetto in favore della socialità che si può instaurare attraverso le zone pubbliche e semipubbliche presenti nel comparto. Proprio per questo motivo i tre blocchi sopracitati sono collegati tramite un unico ballatoio, rivolto verso il bosco e di dimensioni generose. Esso, oltre a fungere da sistema di circolazione, è pensato per funzionare come una sorta di balcone sociale. L'edificio in sé è formalmente ispirato alle opere degli architetti sloveni Bevk and Perovic, e in particolare al progetto dell'insediamento CVG situato a Ljubljana. L'impianto tipologico è studiato in modo da poter garantire una grande flessibilità all'interno degli appartamenti. Infatti, mediante piccole modifiche interne, è molto semplice trasformare in modo sensibile la dimensione di ogni unità abitativa. Questo dà la possibilità ad ogni inquilino di poter modificare lo spazio in cui abita, adattandolo a seconda delle proprie necessità nel corso del tempo. Il ritmo della facciata è il risultato della dichiarazione formale di ciò che accade all'interno dell'edificio, facendo una distinzione netta tra gli ambienti "giorno" e "notte". Il rivestimento di facciata muta a seconda della situazione in cui si trova, passando da una superficie vibrante e ondulata verso la corte a una più calma e liscia rivolta verso il bosco. Gli accessi degli appartamenti sono marcati tramite colori e simboli, in modo da rendere più semplice l'orientamento anche per le persone più anziane. Ogni scelta è stata presa con lo scopo di creare un edificio multigenerazionale, il quale rispettasse tutti i requisiti per fornire ambienti in cui abitare bene.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Uncontrolled Keywords: ballatoio, moduli
Subjects: Costruzioni
Divisions: Dipartimento ambiente costruzioni e design > Architettura
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1327

Actions (login required)

View Item View Item