La vita degli oggetti istituzionali : indagine qualitativa sul ruolo dello spazio e dei suoi oggetti nella vita istituzionale del gruppo Mickey Mouse dell’Istituto Vanoni

Toletti, Elisa (2016) La vita degli oggetti istituzionali : indagine qualitativa sul ruolo dello spazio e dei suoi oggetti nella vita istituzionale del gruppo Mickey Mouse dell’Istituto Vanoni. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Toletti_Elisa.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (1MB)

Abstract

L’interesse per il mondo degli oggetti ha origine da alcune riflessioni personali emerse nel confronto con la pratica presso il Centro Educativo per Minorenni (CEM) Vanoni, in particolare rispetto alla necessità dell’istituzione di farsi comunità per accogliere giovani che vivono difficoltà famigliari o sociali. Durante alcuni momenti con il gruppo di riferimento (MM), si è potuto osservare come attorno ad oggetti d’uso quotidiano si possa sviluppare la relazione e al contempo come questi riescano ad incorporare storie e significati propri della cultura istituzionale. Lo scopo del presente lavoro è di cogliere come gli oggetti prendano vita nell’incontro con il gruppo specifico: si vuole far emergere alcune riflessioni interessanti rispetto al loro ruolo nella pratica educativa. I contributi all’approccio psicodinamico di Winnicott rispetto alla transizionalità, di Bick e Klein riguardo le prime relazioni oggettuali, hanno permesso la costruzione di una concezione dinamica di oggetto la cui trasformazione è strettamente legata all’uso che ne si fa ed ai significati attribuiti. Accanto alle risorse del pensiero psicoanalitico, che genera concetti e orizzonti, utili per dare spessore teorico al lavoro quotidiano di cura educativa e fondare una teoria della prassi, si è privilegiato in questo lavoro di ricerca sul campo uno sguardo antropo-fenomenologico. Le osservazioni, interpretate attraverso nozioni provenienti da differenti campi tra cui l’approccio sistemico relazionale di Baetson, aiutano a considerare le molte variabili nelle relazioni tra persone e oggetti nella struttura. Per rispondere ai molti interrogativi suscitati dalla tematica è stato proposto anche un focus group, in cui l’équipe ha discusso sulla cura degli spazi. Nel LT si è cercato soprattutto di comprendere secondo quali valori sono svolti questo tipo di interventi ed a quali bisogni del giovane si intende rispondere. Grazie ai dati raccolti sono stati selezionati alcuni oggetti significativi e ne è stata descritta approfonditamente la vita. Altri aspetti salienti emersi dalla ricerca riguardano le differenti funzioni che un oggetto può assumere all’interno del processo di crescita ed il ruolo di rilievo che può avere nella costruzione comunitaria. Ampliando la riflessione alla figura dell’operatore sociale non è stato possibile distinguere tra oggetti che favoriscono il benessere del giovane e che lo ostacolano, proprio perché gli investimenti e gli usi che le persone ne fanno possono trasformarsi. L’educatore non può che rimanere in ascolto del respiro emanato da ciò che abita lo spazio istituzionale, lasciando all’altro la libertà di portare sé stesso e modificare l’ambiente circostante.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Educatore sociale - Luogo di stage: Istituto Vanoni, gruppo Mickey Mouse
Uncontrolled Keywords: cura istituzionale, oggetti, significati, relazione educativa
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1324

Actions (login required)

View Item View Item