Un’occasione oltre la pena : indagine sul lavoro di utilità pubblica attraverso lo studio di casi

Achtchieva, Monika (2016) Un’occasione oltre la pena : indagine sul lavoro di utilità pubblica attraverso lo studio di casi. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Achtchieva_Monika.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (902kB)

Abstract

L’interesse per la tematica sviluppata in questo lavoro di tesi nasce durante la pratica professionale svolta presso l’Ufficio dell’assistenza riabilitativa (UAR), ed in particolare nell’ambito delle pene alternative. L’elaborazione di questo documento vuole dare una visione il più possibile completa, dell’esecuzione di pena mediante il lavoro di utilità pubblica (LUP). Il presente lavoro di tesi intende verificare se, oltre la pena che l’individuo è tenuto a scontare, vi può essere l’occasione per un maggiore spazio di azione della figura dell’assistente sociale. Attualmente il compito degli operatori è quello di farsi garanti dell’esecuzione della pena, assumendo maggiormente una funzione organizzativa rispetto alla presa a carico delle persone che hanno commesso un reato. L’intervento d’aiuto che viene sondato e successivamente proposto attraverso questo scritto va in un’ottica di sostengo alla persona. L’ipotesi di una possibile presa a carico è volta ad offrire un supporto ed eventualmente una prima consulenza, sviluppando se necessario un percorso insieme al singolo interessato e favorendo in seguito la collaborazione con la rete territoriale. Grazie alle riflessioni svolte e all’osservazione effettuata sul campo, è stato possibile sondare le eventuali difficoltà ed i bisogni delle persone attraverso lo studio di cinque casi. Le situazioni portate dall’utenza sono state scelte per rappresentare alcuni elementi con cui gli operatori vengono confrontati quotidianamente. Le interviste, proposte agli operatori responsabili dei casi e alla capo ufficio dell’UAR, hanno permesso di comprendere come vengono affrontati gli incarti di lavoro di utilità pubblica. Inoltre attraverso la raccolta di questi dati è stato possibile conoscere la visione degli operatori rispetto a questo tema e capire quali possono essere i possibili cambiamenti futuri previsti per le pene alternative. Lo scritto racconta l’esperienza svolta durante la visita della Fondation Vaudoise de Probation, un elemento di curiosità ed interesse volto a descrivere un’altra modalità di gestire l’esecuzione di questa pena rispetto alle procedure seguite in Ticino. Infine le conclusioni tratte dal lavoro effettuato sono frutto delle analisi degli elementi raccolti, ed hanno permesso di sviluppare le riflessioni nate sulla figura dell’assistente sociale e le sue competenze professionali. Emerge infatti che l’operatore sociale ha modo di andare oltre all’organizzazione dell’attività tramite l’offerta di una presa a carico che non si limita alla questione del controllo. Attraverso la relazione instaurata grazie alla conoscenza degli interessati, possono emergere risorse personali e caratteristiche utili a cominciare, qualora necessario, un percorso di sostegno. In questo modo è possibile garantire all’utenza un aiuto tipico di questa professione.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Ufficio dell’assistenza riabilitativa (UAR)
Uncontrolled Keywords: lavoro di utilità pubblica, LUP, pene alternative, pena pecuniaria, giustizia, sostegno, patronato, carcere, servizi sociali
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1287

Actions (login required)

View Item View Item