L’impatto della normativa per la formalizzazione del sistema di controllo interno sull’attività del revisore contabile

Alini, Simone (2010) L’impatto della normativa per la formalizzazione del sistema di controllo interno sull’attività del revisore contabile. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

Full text not available from this repository.

Abstract

L'obiettivo della tesi è di individuare quali sono le conseguenze che l’introduzione, a partire dal 1 gennaio 2008, dell'articolo 728a, capoverso 1, numero 3 del Codice delle obbligazioni svizzero ha prodotto sull’attività di revisione contabile esterna. L’articolo stabilisce che l'ufficio di revisione, in sede di revisione ordinaria, debba verificare, tra le altre cose, l’esistenza di un sistema di controllo interno. Il concetto di “esistenza” è definito nell’articolo 890 della Normativa di Audit Svizzero (NAS), redatta dalla Camera fiduciaria. Tale modifica non riguarda unicamente i revisori ma coinvolge anche le imprese, imponendo loro di formalizzare il proprio sistema di controllo interno al fine di renderlo facilmente individuabile e verificabile in sede di revisione. Grazie alle testimonianze di professionisti del settore, raccolte tramite interviste semi-strutturate, sono emersi alcuni cambiamenti tra ciò che avveniva prima della modifica del codice delle obbligazioni e quanto avviene attualmente in ambito di revisione contabile, inerentemente al sistema di controllo interno. Un sistema di controllo interno è un processo attuato dal Consiglio d’Amministrazione, dai dirigenti e da altri soggetti della struttura aziendale, finalizzato a fornire una ragionevole sicurezza sulla realizzazione di obiettivi su tre diversi livelli, ovvero l’efficienza e l’efficacia delle attività operative, l’attendibilità delle informazioni contabili ed extra contabili e la conformità alle leggi e ai regolamenti in vigore. Il revisore, per poter eseguire la valutazione del sistema di controllo interno, si avvale di due tipi di analisi: una detta “presa di coscienza del sistema di controllo interno”, dove si verifica se esso funziona ed è applicato correttamente (oltre ad essere sufficiente a garantire una copertura soddisfacente dei rischi aziendali), e l’altra, dettata dalla sopracitata modifica del codice delle obbligazioni, attraverso cui l’esistenza del sistema di controllo all’interno dell’azienda cliente viene affermata o smentita. Questo lavoro ha messo in evidenza come la modifica della legge non abbia comportato sostanziali modifiche nel modo di approcciarsi alla revisione contabile, né abbia contribuito a generare radicali miglioramenti nei sistemi di controllo interni delle aziende. La revisione contabile è infatti da sempre stata orientata al rischio, ed è sempre stata eseguita, seppure in misura inferiore e unicamente per alcune operazioni, per confermare i controlli messi in atto dall’azienda cliente, formalizzando nella maggioranza dei casi i controlli già eseguiti internamente.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Luoni, Laura
Additional Information: PDF non disponibile. Segnatura 2010.B.1.B
Uncontrolled Keywords: impatto, normativa, sistema di controllo interno, revisore, contabilità
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1250

Actions (login required)

View Item View Item