Una comunicazione “migrante” : limiti e risorse del dialogo tra Croce Rossa Svizzera e le istituzioni scolastiche

Borzi, Gloria (2016) Una comunicazione “migrante” : limiti e risorse del dialogo tra Croce Rossa Svizzera e le istituzioni scolastiche. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

[img] Text
Borzi_Gloria.pdf - Published Version
Available under License Creative Commons Attribution Non-commercial.

Download (7MB)

Abstract

Il tema di questo lavoro di tesi nasce dall’importanza di creare una relazione tra l’istituzione scolastica e il centro collettivo gestito dalla Croce Rossa Svizzera di Cadro che si occupa di famiglie con bambini richiedenti l’asilo. Il ruolo degli operatori del Centro è quello di fungere da ponte tra l’universo scolastico e la famiglia del minore. L’assistente sociale che lavora presso il Centro gestisce ogni comunicazione con le scuole, a partire dall’inserimento di un nuovo allievo allo scambio di informazioni con i docenti. È suo compito attivare le migliori strategie che permettano un inserimento ottimale del bambino, lavorando in rete con i professionisti che operano all’interno della scuola. Lo scopo di questo lavoro di tesi è dunque quello di elaborare proposte per migliorare la comunicazione e la collaborazione tra gli operatori di Croce Rossa Svizzera e i docenti della sede di scuola elementare in cui sono inseriti buona parte dei giovani richiedenti l’asilo. Si è cercato di riflettere sulle modalità che possono favorire la comunicazione e la comprensione reciproca: entrambe le istituzioni infatti necessitano di maggiori conoscenze rispetto al proprio mandato, ai propri limiti e risorse. Gli approfondimenti teorici consentono di contestualizzare l’istituzione scolastica, le sue figure di riferimento e le modalità di integrazione di allievi provenienti da altri contesti culturali. Sono poi stati inseriti concetti legati alla comunicazione e al lavoro in rete interprofessionale. La tematica dell’asilo in Svizzera permette altresì di comprendere come gli enti predisposti all’assistenza dei migranti e le istituzioni scolastiche si siano mosse rispetto alla scolarizzazione dei minori. Inoltre, si è voluto procedere a un breve confronto tra il Canton Ticino e alcuni Cantoni della Svizzera romanda, nei quali per i bambini richiedenti l’asilo sono state istituite delle classes d’accueil. Per comprendere maggiormente le pratiche messe in atto sono stati intervistati i vari professionisti coinvolti nella scolarizzazione dei bambini, sia all’interno della scuola sia all’interno di Croce Rossa Svizzera. In tale modo è stato possibile ottenere una visione completa del lavoro effettuato finora dalle due istituzioni e gli ambiti che necessitano maggiori attenzione e coordinamento. I risultati ottenuti sono una serie di raccomandazioni e di possibili soluzioni per migliorare il lavoro in rete dei vari professionisti coinvolti: in particolare l’inserimento di nuove figure professionali, di incontri cadenzati con la scuola e un maggiore scambio di informazioni con i docenti titolari. Tale lavoro ha già permesso un cambiamento all’interno delle due istituzioni: un incontro tra i responsabili delle due istituzioni e in seguito la definizione e l’attuazione di una prassi condivisa per il passaggio delle informazioni.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Additional Information: Opzione: Assistente sociale - Luogo di stage: Centro d'accoglienza Croce Rossa per richiedenti l'asilo
Uncontrolled Keywords: migrazioni, scuola, lavoro di rete, equipe, collaborazione, comunicazione, conoscenza reciproca
Subjects: Scienze sociali
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Lavoro sociale
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1209

Actions (login required)

View Item View Item