Capitale di rischio e Start-up innovative svizzere : indagine sui processi di investimento delle aziende e sulle asimmetrie di aspettative tra proponente e investitore

Capone, Alessandro (2012) Capitale di rischio e Start-up innovative svizzere : indagine sui processi di investimento delle aziende e sulle asimmetrie di aspettative tra proponente e investitore. Bachelor thesis, Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana.

Full text not available from this repository.

Abstract

Le prospettive di crescita in senso economico della società moderna, pongono al centro di tale processo un fattore da sempre stato importante e che assume oggi un ruolo strategico: la creatività. Il motore di tale fattore creativo, deve essere la capacità di integrazione delle istituzioni, delle imprese, delle organizzazioni e, all’interno di esse, delle risorse umane. Infatti oggi l’innovazione è sempre meno un fenomeno di eroici individui che inseguono le loro visioni, ma sempre più spesso è l’esito del networking di una pluralità di agenti; collaborazione tra imprese e università, imprenditori, inventori, finanza creativa, settore pubblico, sociale ecc.. L’innovazione richiede una visione che abbia come orizzonte il mondo senza confini, le strategie innovative ed l’energia imprenditoriale, le organizzazioni ad alto livello di creatività e di performance, le best practice gestionali, e le persone capaci di lavorare insieme ed esprimere genio e sregolatezza. Per gestire l’innovazione occorre un approccio sistemico, poiché si tratta di un processo complesso che deve essere promosso a diversi livelli: il sistema Paese, l’ambiente in cui si opera, il modo in cui l’impresa agisce e favorisce l’innovazione, il comportamento dell’innovatore nei riguardi dell’ambiente e dell’impresa e, infine, la modalità di finanziamento. Le start-up innovative ricoprono e ricopriranno un ruolo sempre più fondamentale nell’economia svizzera. Se ne stanno accorgendo le autorità, i media, gli investitori. Il finanziamento all’innovazione da sempre è un problema che interessa gli economisti. Negli ultimi anni ha preso sempre più corpo una forma di investimento “alternativo” al capitale di debito e alla quotazione pubblica: il Private Equity. Le domande che vengono poste con il presente lavoro sono: quali sono le caratteristiche di una start-up “vincente” e quali sono le forme di finanziamento disponibili? Quali sono i processi decisionali dei responsabili dei diversi metodi di finanziamento a disposizione per le neo-aziende e le loro aspettative? Esiste un GAP tra investitore e imprenditore e se analizzato, con il supporto di teorie comportamentali, è possibile colmarlo? Rispondere in modo esaustivo a tali domande, significa acquisire uno strumento formidabile, la leva capace di avviare lo sviluppo di cui sopra si è parlato.

Item Type: Thesis (Bachelor)
Supervisors: Alberton, Siegfried and Cometta, Silvano
Additional Information: PDF non disponibile. Segnatura 2012.B.4.B
Uncontrolled Keywords: start-up, venture capital, finanziamento
Subjects: Economia
Divisions: Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale > Economia e Diritto
URI: http://tesi.supsi.ch/id/eprint/1179

Actions (login required)

View Item View Item